Formazione Professionale

Metes è il primo ente di derivazione sindacale agroalimentare per ore di formazione erogate nell’ambito dei fondi interprofessionali

Q

Sei un’azienda del settore agroalimentare, vuoi fare formazione per i tuoi dipendenti, ma non sai da dove cominciare

Q

Hai paura che il tempo da dedicare alla formazione possa creare problemi alla produzione e all’organizzazione del lavoro

Q

Sai di cosa hai bisogno, ma non sai tradurlo in un progetto formativo

Q

Non sai come accedere ai finanziamenti dei fondi interprofessionali

Q

Ti spaventa l’investimento di tempo e di risorse da dedicare alla formazione

Q

Temi di non avere la possibilità di valutare l’impatto della formazione in termini di risultati quantificabili e misurabili

Metes è il primo ente di derivazione sindacale agroalimentare per ore di formazione erogate nell’ambito dei fondi interprofessionali

Corsi

Aziende

Ore

Partecipanti

Metes è in grado di aiutarti nella progettazione di un intervento formativo secondo le tue esigenze, identificando obiettivi formativi concreti, in grado di aumentare le conoscenze, perfezionare le abilità e consolidare le competenze dei lavoratori

La nostra esperienza ci consente di fare per te:

R

Un’analisi delle opportunità di finanziamento più adeguate in funzione delle tue caratteristiche e delle tue esigenze

R

La rilevazione del fabbisogno formativo individuando obiettivi formativi quantificabili e misurabili

R

Un progetto di formazione su misura rispettando le tue esigenze organizzative ed i ritmi di produzione

R

La gestione dell’intero processo di erogazione della formazione, inclusi i rapporti con il fondo

R

Un rapporto di monitoraggio e valutazione per permetterti di valutare l’efficacia e l’impatto dell’intervento formativo

I FONDI INTERPROFESSIONALI: CHE COSA SONO?

I FONDI INTERPROFESSIONALI sono stati istituiti sulla base dell’accordo del 20 gennaio 1993, tra Cgil, Cisl, Uil e Confindustria e avviati grazie alle leggi 388/2000 e 289/2002.

Si tratta di associazioni costituite attraverso appositi Accordi Interconfederali dalle organizzazioni sindacali e dalle associazioni imprenditoriali, con il compito di realizzare piani formativi aziendali, settoriali, territoriali e individuali, concertati tra le parti sociali, a favore dei lavoratori per i quali le imprese versano lo 0,30% delle retribuzioni soggette ad obbligo contributivo (art. 25, legge n. 845/78).

Come si aderisce?

Le imprese possono aderire ad un Fondo, scegliendo di destinare la quota dello 0,30% delle retribuzioni lorde ordinariamente versate all’ INPS (parte del cosiddetto “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria”) alla formazione dei propri dipendenti.

Su richiesta dei datori di lavoro, infatti, l’INPS può trasferire tale contributo ad uno dei Fondi Paritetici Interprofessionali, che provvederà a finanziare le attività formative per i lavoratori delle imprese aderenti.

L’impresa può aderire ad un solo Fondo. L’adesione a un Fondo è volontaria e NON comporta alcuna spesa aggiuntiva per l’impresa. Ha validità annuale e si intende tacitamente prorogata, salvo disdetta.

Come funzionano?

Le strutture del Fondo emanano periodicamente delle comunicazioni (AVVISI) con cui si invitano le imprese, singole o associate, a presentare i loro Piani formativi.

I Piani formativi da finanziare saranno poi selezionati dagli organi del Fondo.

E’ inoltre possibile destinare i versamenti ad un proprio Conto Formativo Aziendale (CFA), mediante il quale possono essere finanziate tutte le tipologie di attività formative, compresa quella obbligatoria.

Scarica la Guida ai fondi interprofessionali

Download “Guida-fondi-interprofessionali.pdf” Guida-fondi-intrrprofessionali.pdf – Scaricato 343 volte – 2 MB

Inizia subito a progettare la tua formazione