Studi e Ricerche

Sei un ente di ricerca che vuole indagare le peculiarità del settore agroalimentare:

^

Hai bisogno di un partner con una specifica esperienza nell’indagine delle specificità del lavoro nel settore agricolo e dell’industria alimentare e delle bevande

^

Sei alla ricerca di un soggetto che sia in grado di contribuire all’identificazione dei profili professionali critici per la produttività e la competitività delle aziende agroalimentari

^

Hai bisogno di completare la tua compagine di ricerca con un soggetto che sia in grado di evidenziare gli impatti occupazionali e i risvolti sociali dell’adozione di buone pratiche nel campo delle relazioni industriali nel settore agroalimentare

^

Sei alla ricerca di un partner con una conoscenza consolidata dell’organizzazione del lavoro e delle problematiche di rischio nei settori della forestazione e della pesca e acquacoltura

Fondazione Metes ha maturato una specifica esperienza nella realizzazione di progetti di studio e ricerca nel settore agroalimentare approfondendo le peculiarità dell’organizzazione del lavoro nei settori agricolo e dell’industria alimentare.

In particolare, Fondazione Metes pone specifica attenzione ad analizzare le problematiche sociali ed occupazionali di settore, con la consapevolezza che la qualità del lavoro rappresenta il cardine su cui fondare ogni strategia di competitività agroalimentare.

Metes è in grado di aiutarti nella progettazione e nella realizzazione di un progetto di ricerca. Metes è inoltre in grado di caratterizzare in termini multi-disciplinari la tua compagine contribuendo ad evidenziare i risvolti sociali ed occupazionali.

La nostra esperienza ci consente di fare per te:

R

progettare nel dettaglio le diverse fasi di ricerca

R

identificare le fonti dati più opportune per l’analisi dei fenomeni oggetto di indagine

R

implementare approcci e metodologie di ricerca multidisciplinari

R

contribuire ad identificare partner nazionali ed internazionali per la costruzione di una efficace compagine di ricerca

ALCUNI ESEMPI DI RICERCHE

La vicenda Maccarese

“La vicenda Maccarese. Il sindacato, l’ambiente ed il territorio” è un progetto di ricerca e studio degli aspetti sindacali ed urbanistici che hanno caratterizzato la vertenza Maccarese negli anni ’80.
Il progetto si è svolto da maggio a settembre 2011 con l’obiettivo di evidenziare e promuovere il ruolo strategico che il sindacato può svolgere, tramite la gestione dei conflitti, non solo nell’ambito della tutela del lavoro, ma anche del territorio e dell’ambiente.

In particolare, il progetto ha perseguito i seguenti obiettivi specifici:
• dimostrare il legame tra azione sindacale e tutela ambientale;
• promuovere buone pratiche di gestione dei conflitti sindacali;
• correlare l’intervento del sindacato e l’esito positivo della vicenda con il livello di tutela del territorio.

Azioni

Il progetto di ricerca ha previsto la realizzazione delle seguenti attività:

  • ricostruzione della vicenda storico sindacale (con particolare attenzione a documenti e registrazioni audiovisive, custodite presso l’Archivio storico “Donatella Turtura”);
  • analisi delle caratteristiche socio-economiche del Litorale Romano con specifico approfondimento delle peculiarità del sistema agroalimentare locale;
  • analisi dell’impatto ambientale;
  • cenni sugli aspetti urbanistici rilevanti;
  • pubblicazione di un rapporto/dossier per la presentazione dei risultati dell’attività di studio e ricerca;
  • organizzazione di un evento pubblico di discussione e diffusione delle attività presso l’azienda Maccarese s.p.a.

Risultati

L’indagine condotta ha evidenziato i positivi effetti delle scelte di conservazione agricola attuate in passato per la Tenuta di Maccarese. La tutela e la valorizzazione del ruolo di tutte le grandi aziende agricole presenti nel territorio provinciale, possono diventare uno strumento di governo della coerenza e sostenibilità dello sviluppo dei relativi territori. In questo è centrale il ruolo di tutte le pubbliche rappresentanze, in prima linea le istituzioni e la politica, ma anche delle organizzazioni sindacali.

Salute e sicurezza donne

“Salute e sicurezza per le donne nel settore agroalimentare” è un progetto di ricerca, formazione e informazione che ha l’obiettivo di analizzare le condizioni di lavoro delle occupate nel settore dell’agricoltura e dell’industria alimentare, per informare circa i principali rischi per la salute, promuovere la consapevolezza dell’importanza della prevenzione.

La prevenzione sull’ambiente di lavoro (miglioramento delle condizioni di lavoro e delle attrezzature) e sull’uomo (educazione dei lavoratori), infatti, rappresenta il principale strumento per ridurre al minimo il verificarsi di infortuni e patologie.

Il progetto, realizzato con il contributo del Dip.to di Salute pubblica e malattie infettive dell’Università “Sapienza” in Roma, si è svolto nel corso del 2011 ed i risultati delle attività sono stati presentati nel corso della seconda assemblea delle donne Flai Cgil, svoltasi a Roma il 20 aprile2012.

Azioni

Il progetto di ricerca ha previsto la realizzazione delle seguenti attività:

FASE 1: progettazione esecutiva

  • individuazione dei comparti e delle aziende da coinvolgere nell’analisi;
  • progettazione dello strumento di indagine;
  • pre test;
  • progettazione dell’intervento formativo.

FASE 2: studio e ricerca

  • analisi del contesto;
  • studio di settore;
  • predisposizione di un elaborato.

FASE 3: indagine

  • formazione dei formatori;
  • somministrazione, compilazione e raccolta dei questionari;
  • analisi ed elaborazione dei risultati.

FASE 4: formazione e informazione

  • realizzazione di un incontro della durata di 8 o 4 ore in base alle disponibilità
  • dell’azienda;
  • predisposizione (eventuale) di materiale didattico.

FASE 5: convegno finale di presentazione dei risultati.

Risultati

Il progetto di ricerca ha consentito di realizzare i seguenti risultati:

  • aumento del grado di conoscenza circa le condizioni di lavoro delle donne occupate nell’agricoltura e nell’industria alimentare;
  • aumento del grado di informazione delle lavoratrici circa i principali rischi connessi alle specifiche lavorazioni;
  • incremento delle competenze in materia di prevenzione.

Download “Salute e sicurezza delle donne nel settore agroalimentare” Salute-e-sicurezza-donne_Pubblicazione-definitiva.pdf – Scaricato 126 volte – 8 MB

Catena del lavoro – Management

Il progetto di ricerca “La catena del valore nel settore agroalimentare: il contributo della qualità del lavoro alla formazione del valore. Il punto di vista del Management” è finalizzata a cogliere il ruolo manageriale nelle specifiche realtà agroalimentare.

Il punto di richiamo per tale ricerca, realizzata nel corso del 2014, è la valutazione di una manifesta capacità di gestione dei processi in cui la gestione del capitale umano è considerata la premessa necessaria per sviluppare le competenze distintive di tipo collettivo necessarie a far fronte al cambiamento continuo. Quest’aspetto qualificante, che è la base portante dello stesso ruolo manageriale, comporta una ricognizione pratica sui tratti della prestazione lavorativa che caratterizzano la qualità del lavoro (formazione, professionalità, organici, orari, salario) e sui valori applicativi aziendali relativi alla comunicazione e all’interscambio di esperienze e conoscenze professionali.

Azioni

Il progetto di ricerca ha previsto la realizzazione delle seguenti attività:

  • definizione degli strumenti di indagine (questionario, traccia di interviste);
  • realizzazione di interviste ai rappresentanti del management (Parmalat, Sella e Mosca, Nestle, Conserve Italia, Heinz Plada, Ferrero, Barilla, Cargill, Colussi);
  • identificazione contributo che la qualità del lavoro fornisce alla formazione del valore dei prodotti agroalimentari attraverso l’elaborazione delle risultanze delle interviste.

I risultati della ricerca sono stati presentati attraverso la pubblicazione di una monografia dei Quaderni AE.

Risultati

Il progetto di ricerca ha contribuito a fornire elementi conoscitivi originali che concorrono a spiegare i meccanismi di funzionamento delle filiere agroalimentari ponendo particolare attenzione alla misurazione del contributo che la qualità del lavoro fornisce alla formazione del valore dei prodotti agroalimentari.

Download “La catena del valore” Catena-del-valore.pdf – Scaricato 102 volte – 1 MB

Lavoratori migranti in agricoltura

Il progetto di ricerca “Lavoratori migranti in agricoltura”, realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi del Sannio (Facoltà di Scienze Economiche Aziendali), intende contribuire alla migliore conoscenza del fenomeno migratorio in agricoltura anche nell’ ottica di realizzare iniziative sindacali finalizzata alla creazione di efficaci politiche di integrazione.

In particolare, il progetto ha perseguito i seguenti obiettivi specifici:

  • rilevare le caratteristiche socioeconomiche dei lavoratori;
  • identificare i comparti produttivi e le modalità di rapporto di lavoro;
  • analizzare il grado di interazione dei lavoratori migranti in agricoltura.

In particolare il progetto, realizzato tra ottobre 2012 e ottobre 2013, fornisce un contributo conoscitivo in merito all’identificazione del contributo fornito dai lavoratori migranti alla formazione del valore aggiunto e alla produttività del settore agricolo nazionale realizzando parallelamente una analisi della qualità delle condizioni socio-economiche dei lavoratori migranti agricoli e delle loro famiglie in Italia. L’analisi ha rappresentato, inoltre, un’importante occasione per contribuire alla migliore conoscenza del fenomeno migratorio in agricoltura anche nell’ottica di realizzare iniziative sindacali finalizzate alla creazione di efficaci politiche di integrazione.

I risultati della ricerca hanno costituito oggetto di una pubblicazione presentata in occasione del convegno nazionale “Il lavoro migrante per la competitività dell’agricoltura italiana”, tenutosi il 3 ottobre 2013 a Conza della Campania (AV).

Download “Lavoro migrante in agricoltura” Lavoro-migrante-in-agricoltura-2012.pdf – Scaricato 158 volte – 701 KB

Vuoi costruire con noi un partenariato di ricerca?